Giovanili, Under 18 Roma Nuoto

U18A: la Roma è in finale, il Brescia perde dentro e fuori dall’acqua

La Roma Nuoto si conferma nell’élite della pallanuoto giovanile italiana. Se la finale scudetto U20 è sfuggita per un solo gol di differenza reti, quella U18 arriva con pieno merito. I giallorossi – inseriti in un vero e proprio girone di ferro – conquistano il primo posto in un raggruppamento molto più equilibrato rispetto a tutti gli altri. Questo, quindi, non può che risaltare ancor di più il successo ottenuto.

I ragazzi di coach Maurizio Gatto hanno superato nell’ordine l’SC Quinto per 8-6, l’AN Brescia per 6-3 e la Libertas RN Perugia per 15-2 e hanno così raggiunto la Final Four scudetto, in programma a Monterotondo il 24 e il 25 luglio 2021. A contendersi il titolo di campione d’Italia – insieme alla Roma Nuoto – Posillipo, Ortigia e Pro Recco. 

Ci preme, però, sottolineare, stigmatizzare e denunciare i terribili fatti accaduti al termine della gara – poi decisiva – disputata la mattina del 13 luglio contro il Brescia. Al termine di questa avvincente partita, che metteva praticamente in palio l’accesso alle finali, sono saltati i nervi ad alcuni atleti della società lombarda. I giocatori del club campione d’Italia, infatti, hanno aggredito in maniera vigliacca e violenta uno dei ragazzi più piccoli della Roma Nuoto, per poi accanirsi in modo ancor più duro contro un altro atleta capitolino – anch’egli classe 2005 – intervenuto per sedare gli animi e portare via il compagno, costringendolo alle cure mediche presso il pronto soccorso per tutto il pomeriggio e a saltare l’ultima partita contro il Perugia. Il tutto facilmente visibile sul video della partita andata in diretta streaming sul nostro canale YouTube.

Comportamenti del genere vanno condannati. Non possono essere giustificati. Rimaniamo stupiti di come nel comunicato ufficiale della società lombarda non sia nemmeno menzionato l’accaduto e preso le distanze da soggetti che nulla hanno a che fare con lo sport. Speriamo vivamente che vengano puniti dalla giustizia sportiva. In questi casi – purtroppo – anche la cronaca di un grande risultato conseguito in modo sportivo e corretto passa in secondo piano.

Queste le parole dell’allenatore della Roma Nuoto, Maurizio Gatto: «Voglio fare i complimenti ai miei ragazzi. Sono stati molto bravi, hanno affrontato questa semifinale con grande attenzione e concentrazione. Il mio primo ringraziamento va a loro. Centrare una finale non è merito solo dell’allenatore, ma di tutti quanti. Da chi prenota la trasferta, a chi si occupa della parte tecnica e organizzativa: è un traguardo di tutta la società. Ci tengo a ringraziare particolarmente Davide Grilli e Mino Di Cecca, che hanno lavorato molto con questi ragazzi. Andrea Manzo, che si è occupato di trattare i ragazzi, considerando i tanti infortuni che abbiamo avuto quest’anno, anche fino a pochi giorni dalla finale. Non ultimi, il prof. Massimo Tafuro e Daniele Bianchi».

Continua coach Gatto: «Un ringraziamento speciale va poi al Centro Sportivo Edoardo Antonelli, che in questo periodo – visti gli impegni del Foro Italico – ci ha dato modo di allenarci e di prepararci al meglio. Stesso discorso per il centro sportivo Babel, soprattutto nella figura di Andrea Bellucci, responsabile della pallanuoto lì e nel progetto Roma Nuoto Academy, e per l’Alma Nuoto. È ancora in questi tre impianti che prepareremo le nostre finali».

Sugli episodi deprecabili dopo la partita del 13 luglio mattina: «Sono felicissimo per aver raggiunto questo traguardo. Peccato, però, che la festa sia stata rovinata da un comportamento anti sportivo da parte degli atleti dell’AN Brescia. Onestamente, questa cosa mi ha molto sorpreso perché fanno parte di una società di altissimo livello e campione d’Italia. Non me lo sarei mai aspettato. Spero che la stessa società lombarda – a prescindere da quella che sarà la decisione della procura federale – condanni il comportamento di questi atleti. Detto questo, ancora complimenti ai miei ragazzi. Da oggi di nuovo al lavoro per preparare al meglio la semifinale U16 prevista per lunedì 19 e martedì 20 luglio e la Final Four U18 di Monterotondo».

Roma Nuoto: Di Gregorio, Sigillò Massara, Di Santo, Voncina, Faraglia, Martinelli, Graglia, Di Mario, Boezi, Giacomone, Gatto, Giuliano, Peluso, Benedetti. TPV: Maurizio Gatto.

 

Andrea Esposito

Ufficio stampa Roma Nuoto

Share

Comments are closed.