Serie A1, Società

Roma Nuoto, finisce con un 13-6 per il Quinto il campionato dei giallorossi

S.C. Quinto – Roma Nuoto 13-6  (3-2, 2-2, 3-2, 5-0)

Una giovanissima Roma Nuoto cede il passo all’S.C. Quinto nell’ultima giornata di campionato. A Genova, i giallorossi portano una squadra piena di under e con qualche assenza pesante (Marko Vavic, De Robertis, Casasola, Tartaro, ndr), ma non demeritano. Fino a inizio quarto tempo, infatti, i capitolini sono 8-6, sotto di due e pienamente in partita. Poi, vengono fuori l’esperienza e la maggiore freschezza dei liguri, che nel finale dilagano fino al 13-6 con cui si chiude il match.

La cronaca

Primi tre minuti e mezzo di studio tra le due squadre, poi passa in vantaggio il Quinto con un gol in extra player dell’ex Panerai, 1-0. Bittarello imita il compagno, ma la Roma Nuoto non ci sta e nel giro di 45” pareggia con i gol di Nikola Vavic e Spione: è 2-2. Sul finale di tempo, è il giapponese Inaba a riportare avanti i liguri: si va 3-2 al primo riposo.

Il secondo parziale è in grande equilibrio. Per i genovesi segna ancora Panerai, per i giallorossi Nikola Vavic, per un botta e risposta tra mancini, 4-3. Sempre il numero 2 toscano mette dentro il rigore del 5-3, ma ci pensa Pietro Faraglia – in azione di superiorità – a riportare sotto la Roma. All’intervallo lungo siamo 5-4.

Il Quinto prova a cambiare marcia dopo il cambio campo, grazie alla doppietta del giapponese Inaba: 7-4. Francesco Faraglia tiene vive le speranze di rimonta dei capitolini, subito spente però dal nuovo più tre di Mugnaini, 8-5. A una manciata di secondi dalla fine del terzo tempo, è Graglia ad accorciare ancora: 8-6, una giovanissima Roma sempre in scia.

Nel quarto tempo, i giallorossi accusano un calo e i padroni di casa – più esperti e al completo – ne approfittano. Il Quinto mette a referto un parziale di 5-0 e scrive sul tabellino un finale più ampio di quello visto in vasca. Rimane il merito, per la Roma Nuoto, di un campionato condotto con estrema sicurezza fino alla salvezza. Da segnalare, in casa giallorossa, l’esordio in A1 per il classe 2005 Geremia Di Mario: l’anno prossimo potrà dare seguito a questa grande esperienza. La Roma Nuoto rimane nella massima serie.

S.C. Quinto: Pellegrini, Panerai 4, Fracas 1, Mugnaini 1, Brambilla 1, Guidi, Gavazzi, Nora 1, Inaba 3, Bittarello 2, Gitto, Dellacasa, Noli. TPV: Gabriele Luccianti.

Roma Nuoto: De Michelis, Ciotti 1, Di Santo, Faraglia F. 1, Faraglia P. 1, Gatto, Graglia 1, Vavic N. 2, Boezi, Di Mario, Spione 1, Voncina, Maiolatesi. TPV: Massimo Tafuro.

Superiorità numeriche: S.C. Quinto 3/7 + 1/1 rigore, Roma Nuoto 2/6 + 0/2 rigori.

Arbitri: Schiavo e D’Antoni.

 

Andrea Esposito

Ufficio stampa Roma Nuoto

Share

Comments are closed.