Serie A2, Società

Nella tana del lupo non si passa, Roma vince 11-6 Gara1!

La Roma Nuoto fa sua gara 1 delle semifinali play off superando 11-6 il Padova. Gara mai in discussione, netto il divario tra le due formazioni visto quest’oggi in acqua. Prova di forza dei giallorossi che con una super difesa, guidata splendidamente dal classe 1999 Francesco De Michelis, concedono poco e niente agli avversari. La fase d’attacco gira alla perfezione e permette ai capitolini di andare fin da subito avanti nel punteggio. Il resto del match è in completa gestione del gioco e del risultato, con i ragazzi di Roberto Gatto che dimostrano, nonostante la giovane età, una grandissima maturità e non permettono mai agli avversari di rientrare in partita.

Sabato si va a Padova per gara 2. Servirà nuovamente una grande prestazione. La concentrazione dovrà rimanere altissima, non sono ammessi passi falsi ma a questa Roma Nuoto nulla è precluso.
La cronaca. Il primo tempo è un monologo giallorosso. Sblocca il match il classe 2000 Michele De Robertis che da posizione angolata fa partire un gran tiro incrociato che si infila nell’angolo opposto. Il 2-0 arriva per mano di Steven Camilleri che prende il tempo all’avversario e sotto porta con una giocata pazzesca supera il portiere. Il 3-0 è sempre del bomber maltese, con un gran tiro dalla distanza. Prima della fine del parziale arriva anche il 4-0 siglato dal classe 1999 Alessio Navarra, con un bel tiro da posizione centrale.
Il secondo tempo si apre con la quinta rete della Roma grazie a Camilleri che trasforma un rigore conquistato dal centroboa Michele Lapenna. A metà secondo tempo arriva la prima rete del Padova. La risposta però non si fa attendere e ci pensa il classe 1998 Enrico Calcaterra a finalizzare una perfetta superiorità numerica. Prima del riposo lungo arriva la seconda rete degli ospiti che vale il 6-2.
Nel terzo tempo la Roma continua a spingere sull’acceleratore, così arriva il 7-2 per mano ancora di Navarra in contropiede e del 8-2 realizzato da Lapenna in superiorità numerica. Padova accorcia le distanze, 8-3. Roma non ci sta e il classe 1999 Ludovico Moroni trasforma una perfetta superiorità numerica. Gli ospiti segnano il 9-4 prima che uno scatenato Camilleri faccia il quarto gol personale di oggi che vale il 10-4, con cui si chiude il parziale.
Il quarto tempo si apre con la seconda rete di Lapenna che porta i suoi 11-4. A partita praticamente finita gli ospiti sfruttano due disattenzioni e chiudono il match sul 11-6.
ROMA NUOTO-PLEBISCITO 11-6 (4-0, 2-2, 4-2, 1-2)
Roma Nuoto: De Michelis, De Santis, Faraglia, Moroni 1, De Robertis 1, Navarra 2, Camilleri 4 (1 rig.), Innocenzi, Lapenna M. 2, Calcaterra 1, Africano, Narciso, Pinci. All. Gatto.
Roberto Plebiscito: Destro, Segala, Tosato, Cecconi 1, Savio 2, Barbato, Gottardo, Robusto 2, Zanovello, Jovanovic, Rolla 1, Conte, Tomasella. All. Fasano.
Arbitri: Gomez e Zedda.
Superiorità numeriche: Roma Nuoto 3/6 + un rigore, Plebiscito 2/6.
Note: uscito per limite di falli Cecconi (P) nel quarto tempo.

ROMA – C’è poca storia in gara 1. Dominio della Roma Nuoto, che segna il primo gol con De Robertis  (classe 2000) dopo un minuto e mezzo di gioco. E qui va aperta subito una parentesi. Quest’anno la formazione capitolina ha segnato nella regular season 237 gol, di cui ben 121, cioè il 51%, con sette atleti nati dal ’97 in poi. Tutti hanno giocato oggi contro il Plebiscito, quattro di loro hanno segnato. E’ un ’99, Navarra, a realizzare la rete del 4-0 dopo la doppietta di Camilleri, l’altra faccia della Roma Nuoto che segna: è il capocannoniere della regular season con 66 reti.
Seconda frazione molto più equilibrata. Al terzo gol di Camilleri risponde Savio, a Calcaterra (classe 98) replica Rolla per il 6-2 di metà gara. Finora tutti gol a uomini pari fatta eccezione per il rigore del 5-0 di Camilleri. E’ in parità numerica anche la seconda rete di Navarra, in apertura di terza frazione, oggi la squadra di Gatto non ha bisogno dei gol in superiorità. E comunque arriva anche quello, lo segna Michele Lapenna (8-2). Tra i giovani emergenti della Roma Nuoto c’è anche Moroni, classe 99: quello che segna nel terzo tempo è il suo 25° gol in campionato. Si va all’ultimo intervallo sul punteggio di 10-4. Di Cecconi e Robusto le reti degli ospiti in questo parziale.

Lo stesso Robusto, assieme a Savio, s’incarica di alleggerire il gap biancorosso nel quarto tempo (11-6) e la gara si chiude con il +5 a favore dei capitolini.
Share

Comments are closed.