Ortigia superiore, Roma sconfitta a Siracusa.

Ortigia si dimostra superiore e vince 14-6 su una Roma che si spenge nella seconda parte di gara. I Primi due tempi sono tirati, si gioca sul totale equilibrio, con i ragazzi di Massimo Tafuro in grado di giocare alla pari con l’attuale seconda forza del campionato. Nei secondi due quarti i giallorossi subiscono gli avversari e non riescono più a restare attaccati alla partita. In casa Roma Nuoto si è fatta sentire l’assenza del difensore De Robertis, fuori per infortunio.
È terminato per i capitolini il tempo degli scontri impossibili, le prossime partite diranno la verità sulla stagione dei giallorossi. In rapida successione, infatti, la Roma affronterà Lazio, Posillipo, Catania e Milano, sarà il momento della verità. Una partita alla volta. Ora testa al derby del prossimo week end.

La cronaca della partita
La gara si sblocca con Valentino Gallo per l’Ortigia su rigore. Risponde Francesco Faraglia che realizza con una bellissima rete dalla distanza. Ancora Ortigia avanti sempre su rigore. La Roma non sta a guardare e risponde: prima pareggia con Matteo Ciotti e poi va in vantaggio sempre con Francesco Faraglia, siamo sul 2-3.
Nel secondo tempo siciliani pareggiano con Klikovac e poi vanno avanti 4-3. Ci pensa Pietro Faraglia a pareggiare di nuovo la contesa in superiorità numerica ma è Vidovic per i padroni di casa a portare in vantaggio 5-4 i suoi al riposo lungo.
Nel terzo parziale Ortigia allunga in superiorità numerica. Accorcia le distanze la Roma Nuoto con la prima rete in massima serie di Jacopo Di Santo, classe 2003, che infila sotto porta. Rispondono i siciliani con due reti,prima che realizzi la seconda rete di giornata Pietro Faraglia. Allo scadere del parziale Ortigia segna ancora e il punteggio sul tabellone dice 10-6.
Nel quarto parziale, complice l’uscita per limite di falli di Calic e Faraglia, le forze dei capitolini vengono meno e i padroni di casa allungano definitivamente.  Da sottolineare negli ultimi minuti l’esordio del secondo portiere Matteo Maizzani che si toglie anche la soddisfazione di parare un rigore, il quarto concesso oggi ai siciliani, al montenegrino Stefan Vidovic.

Il tabellino

CC ORTIGIA-ROMA NUOTO 14-6

CC ORTIGIA: S. Tempesti, F. Cassia 3, F. Condemi 1, A. Condemi 1, F. Klikovac 1, F. Ferrero 1, S. Di Luciano 3, V. Gallo 1, Giribaldi, S. Rossi 2, S. Vidovic 1, L. Cassia, F. Piccionetti. All. Piccardo

ROMA NUOTO: F. De Michelis, M. Ciotti 1, J. Di Santo 1, F. Faraglia 2, P. Faraglia 2, A. Tartaro, M. De Robertis, G. Di Mario, S. Boezi, S. Calic, M. Spione, J. Graglia, M. Maizzani. All. Tafuro
Arbitri: Romolini e Brasiliano

Note
Parziali: 2-3 3-1 5-2 4-0 Si gioca a porte chiuse. Usciti per limite di falli Calic (R) nel secondo, Giribaldi (O) e F. Faraglia (R) nel quarto tempo. Negli ultimi minuti di gioco Piccionetti sostituisce Tampesti tra i pali dell’Ortigia e Maizzani al posto di De Michelis nella Roma. Superiorità numeriche: Ortigia 6/7 + 4 rigori di cui uno fallito da Vidovic nel quarto tempo (parato da Maizzani) e Roma 2/8