Serie A1, Società

La Roma non si ferma più! Muri Antichi sconfitti 14-9

La Roma Nuoto apre il girone di ritorno con una vittoria per 14-9 contro un’ostica Muri Antichi

Partita giocata a sprazzi dai giallorossi che prima vanno avanti, poi si fanno recuperare. Allungo giallorosso fino al massimo vantaggio di 5 reti nel terzo tempo seguito da un inspiegabile black out ad inizio quarto tempo che permette a gli ospiti di riavvicinarsi nel punteggio ma è una nuova e devastante accelerata dei giallorossi con cui chiudono la gara che gli permette di portare a casa 3 punti importanti e meritati. 

Vittoria che consente alla Roma Nuoto di raggiungere la terza posizione in classifica con il sorpasso ai danni del Civitavecchia fermato in casa dal Latina. Saranno proprio i pontini gli avversari nella prossima giornata per Africano e compagni che andranno a Latina per giocarsi a viso aperto una gara bella e affascinante da vivere per proseguire nel percorso di crescita dei giovani giallorossi.

La cronaca. È il solito Stevie Camilleri ad aprire la contesa con un gran tiro dalla distanza. Il 2-0 lo sigla Ludovico Moroni – classe 1999 – con una bella conclusione incrociata.

Il Muri Antichi sfrutta un rigore e due superiorità numeriche per pareggiare e andare avanti nel punteggio. Il 3-3 lo realizza Enrico Calcaterra – classe 1998 – su uomo in più.
Il vantaggio del primo parziale arriva con un gran tiro di potenza ancora in superiorità numerica di Michele De Robertis – classe 2000.

Il secondo tempo si apre con la rete del bomber maltese Camilleri che porta i suoi sul 5-3. I siciliani accorciano le distanze. La Roma Nuoto non ci sta: prima segna Michele Lapenna con un pregevole tocco sotto porta che beffa il portiere ospite, seguito ancora da Camilleri con una bomba delle sue che vale il 7-4. Muri Antichi accorcia ma Moroni ancora in superiorità numerica porta i compagni al riposo lungo in vantaggio 8-5.

Nel terzo tempo la Roma allunga, a segnare ancora in superiorità numerica è capitan Roberto Africano, seguito dal centroboa Lapenna anch’egli in superiorità numerica. Prima della fine del parziale i catanesi realizzano la rete che chiude il tempo sul 10-6.

Il quarto tempo con la partita che sembra completamente nelle mani dei capitolini si innervosisce e a farne le spese sono propri i giallorossi che commettono diversi errori e Muri Antichi è brava a sfruttare e rientrare in partita con tre reti consecutive fino al 10-9. Ci pensa Calcaterra a svegliare i suoi con due reti consecutive belle quante importanti. La Roma torna a giocare come sa e arrivano altre due reti entrambe in superiorità numerica: la prima di Camilleri e la seconda di Lapenna con cui si chiude l’incontro.

Roma Nuoto-Muri Antichi 14-9

(4-3, 4-2, 2-1, 4-3)
Roma Nuoto: De Michelis, De Santis, Faraglia, Moroni 2, De Robertis 1, Navarra, Camilleri 4, Innocenzi, Lapenna 3, Calcaterra 3, Africano 1, Narciso, Pinci. All. Gatto.
Famila Muri Antichi: Ruggieri, Fellner 2, Nicolosi, Zovko 1, Leonardi, Aiello 1, Scebba 1 (1 rig.), Belfiore, Castagna 1, Paratore 2, Calarco 1, Reina, Tropea. All. Puliafito.
Arbitri: L. Bianco e Valdettaro.
Superiorità numeriche: Roma Nuoto 8/13, Muri Antichi 6/11 + un rigore.
Note: uscito per limite di falli Scebba (M) nel quarto tempo.
Share

Comments are closed.